Le soffiate di Daniele Tombolini

Sembra che l’ex arbitro Daniele Tombolini non abbia perso l’abitudine di soffiare. Il popolare personaggio radiotelevisivo, nostro affezionato lettore, ci invia un suo breve lavoro in dialetto anconetano. Lo pubblichiamo con molto piacere, nell’augurio di poter ospitare altri componimenti del simpatico enologo di Ancona.

Le sufiate
di Daniele Tombolini

Quando hai fato l’aparechio de carta, s’el voi fa vulà, prima de lanciàlo je devi sufià n’tantinì n’tela ponta.
S’el mutore te stenta a partì e te fa i schiupeti, è ora ch’el porti a faje dà na sufiatina n’tel giglè.
Se tu fjolo tira su in cuntinuazió, sofijje el naso a stu muciuló!
Voi fa nu scherzeto carì a uno che pogia la baseta tranquillo? Sofieje n’te na rechia!
Poi falo solo se magni a casa tua. Se sei al risturante è maleducaziò sufià n’tel cuchiaro pe fredà la straciatela che scota.
Se te fai no sbrego e ce buti el spirito pe disinfeTà, ce devi sufià forte, ché brugia n’bel po’.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram